Pomodorino Casa Barone

Print Friendly

Pomodorino del Piennolo Vesuvio Dop Casa Barone

 

Ai piedi del Vesuvio viene coltivato questo pomodorino del piennolo D.O.P. e presidio Slow food, da una piccola azienda chiamata Casa Barone.

Oltre a questa conserva ne fanno molte altre, e vi consiglio di visitare il loro sito per farvi un’idea. :)

Mesi fa, mentre facevo delle foto per un ristorante stellato, al momento del pranzo, lo chef mi aveva preparato uno spaghettino commovente con pomodorino del vesuvio, colatura di alici e scorza di limone grattuggiata.

Entusiasta, appena tornata a casa, decisi di mandare una mail all’azienda e ordinarne un cartone.

Il pacco arrivò senza ritardo e subito mi misi a distribuire i barattoli tra mio padre e il resto della crew. ( ne sono rimasti, giustamente, innamorati.)

Sono barattoli da 500 gr. e la scatola da 6, spedizione inclusa, viene 36 euro.

Il pomodoro pelato mi ricorda l’infanzia… da bambina, mio padre, la domenica sera preparava un sughetto strepitoso per tutta la famiglia, ed era un pò il “nostro” momento di raccolta.

Certo… pure la ricettina dello Chef Giuseppe non era niente male… io pure un pò di burrata, se non siete a dieta, ce la metterei.

Anche se… la morte sua sono aglio e basilico fresco. Con un pò di olio a crudo magari.

( il formaggio, se il pomodoro è buono, non ce lo metto!)

Tornando al  pomodorino… E’ detto “del Piennolo” perchè  si usava legarne i grappoli attorno ad uno spago legato a cerchio; il “piennolo” veniva poi appeso in un ambiente asciutto e ventilato… da qui i pomodorini venivano presi  all’occorrenza.

Questa dei pomodorini appesi è un’usanza anche pugliese: a casa di mia nonna c’erano sempre in cucina e si usavano per condire le friselle di grano duro.

Da questo mese il prodotto mantiene la denominazione D. O. P. e rimane presidio slow food.

Buono spago a tutti! :)

Speak Your Mind

*