Granola alla Lavanda di Leslie

Print Friendly

 

 

 

Bonjour!

Eccomi di ritorno dopo un mese e qualcosa di silenzio… Mi scuso fin dal principio… mi dispiace di non aver santuzzato.

Ho avuto davvero pochissimo tempo. Libero ancora meno.

Sono tante le cose da dire e, in questi giorni, vi riassumerò le novità.

Per ora mi limito ad accennare qualcosina e a presentarvi la ricetta di oggi.

L’ultimo mese l’ho passato in Spagna per l’appunto, dividendomi tra Barcelona, per lavoro, e la mia amata Cadaquès.

Giornate intense, ma bellissime. Ho imparato tanto. Mi sono divertita.

I miei progetti australiani non sono accantonati, anzi.

Solo rimandati di un paio di mesi a causa di alcuni lavori che mi stanno trattenendo in Europa più del dovuto.

Anche di questi avrò occasione di parlarvi,uno, in particolare, è piuttosto interessante.

A Dicembre sarò a Londra e poi in California per un mese intero.

Si prospetta, quindi, comunque un periodo ganzo. :)!

La ricetta di oggi  ve la devo spiegare sotto vari punti di vista. 

Per cominciare vi parlo di chi me l’ha fornita… Leslie, un’ amica americana che sta girando il mondo in bicicletta.

Ora dovrebbe essere in Andalusia mentre sto scrivendo.

Questa señorita ha 24 anni ma, di testa, ne dimostra assai di più. 

Devo ammettere che il tempo che abbiamo speso insieme è stato impagabile.

Per me è facile entrare in sintonia con le persone, sono una pr mancata.

E’ meno facile, però, che le persone entrino in “vera sintonia” con me. 

Leslie è una di queste. Quella sensazione, piacevole, di conoscere una persona da parecchio tempo.

E di riuscire a parlare di tutto, davvero.

Ad ogni modo… le chiedo quali sono i piatti che si fanno a casa sua…

(domanda, questa, che penso di aver fatto a tutte le persone straniere conosciute nella mia vita…:)!)

E lei mi spiega che…in California mangiano in modo completamente diverso dal resto degli USA.

Scordatevi bacon, uova e grasso che cola…E’ tutto super HEALTHY e fanno un sacco di sport!

(non per dire… effettivamente ne ho conosciuti un bel pò quest’estate… fisici notevoli… ;)! Consiglio a lettori e lettrici single di farlo un giretto da quelle parti!)

Sono fissati col biologico, i farmer markets, mangiano tantissima frutta e verdura e…. la granola con lo yoghurt è il tipico breakfast.

 

 

Al che io mi illumino di immenso… mi torna subito alla mente quella Granola commuovente che compravo, assai cara, l’anno scorso, al Borough Market Londinese.

E poi inizio a pensare a quelle sere, quando torno a casa dopo aver cucinato e maneggiato cibo tutto il giorno, che l’unica cosa che riesco ad affrontare sono una piadina, o, ancora meglio, un cucciolone preconfezionato… e mi immagino, invece, sul divano, con i piedi al vento, a mangiare una scodella di granola homemade con yoghurt alla vaniglia…

… Inizio a vedere cuori dappertutto!!!

Mi emoziono proprio…:)!

La granola si può fare in mille modi, o meglio, la base è sempre la stessa, ciò che cambiano sono i gusti! 

Qui abbiamo pensato a questa variante ai fiori di lavanda, semplicemente perché il mio giardino di casa ne era pieno.

 

 

E perché Leslie è, di base, un’appassionata di piante e fiori in ambito culinario (finocchio selvatico e alla verbena colte sul momento erano, ad esempio, la base delle tisane del mattino).

Il risultato è molto gradevole. Un connubio vincente tra gusto e olfatto.

 

Altre varianti… qui propongo una granola con mandorle e noci da servire, magari, con frutta fresca.

(fragola anch’essa colta nel giardino!!!)

E una con frutta secca mista: uvetta, banana,papaya, dattero ecc ecc.

(La si trova pure in sacchetti già mischiata, senza che andate ad impazzire per trovarla…)

 

 

Altre possibilità… semi di zucca/girasole, pinoli,cardamomo, cannella, pistacchio e cioccolato,cocco, zenzero candito (super questo!). 

Vi consiglio di fare un salto da Naturasì per trovare ingredienti sfusi di questo tipo.

La potete servire con yoghurt appunto, o con latte o… sgranocchiare a caso, senza niente.

Ottima con l’aggiunta di frutta fresca al momento (fragole e mirtilli in pole)

E’ velocissima da fare e… la vedo pure come ottimo regalino, natalizio e non, per le amiche! (magari in dei bei barattoli di vetro, nastri in colorati, belle etichette…non so se mi spiego)

Quindi… Enjoy!

 

 

GRANOLA alla LAVANDA di LESLIE 

 

 

Ingredienti:

  •  380 gr. di fiocchi di avena
  • 130 gr. di noci e mandorle (o nocciole) per metà tritate e per metà intere
  • 60 gr. di burro ( so che si può usare pure l’olio, ma non assicuro sul risultato)
  • 40-60 gr. di miele (la dose varia a seconda del risultato che volete ottenere, + o – dolce)
  • un pizzico di sale
  • i fiori di due steli di lavanda

Procedimento:

  1. Preriscaldare il forno a 180°C;
  2. Sciogliere il burro in un pentolino e aggiungere i fiori di lavanda (se lo fate con qualche spezia, es cannella, questo è il momento per aggiungerle);
  3. Aggiungere il miele, mescolare e togliere dal fuoco;
  4. Mettere l’avena in una ciotola e versarci sopra il mix di burro/miele/fiori. Mescolare bene;
  5. Cuocere per circa 10 minuti, dando una girata al tutto con una paletta a metà del tempo;
  6. Aggiungere le noci/mandorle tritate e cuocere per altri 5 minuti in modalità grill;
  7. Togliere dal forno, aggiungere le nocciole/mandorle intere ( se lo fate con frutta appassita o altri ingredienti questo è il momento per aggiungerli. Il cioccolato no… aspettate che si raffreddi per bene prima)
  8. Aspettare almeno un’ora prima di consumare.

 

 

 

 

 

 

Comments

  1. :)

  2. :)! Ciao super Babs! De rien! :)

Trackbacks

  1. […] granola di Valentina UN DEJUNER DE SOLEIL – la versione di Edda all’olio d’oliva SANTUZZA’S KITCHEN – alla lavanda…. grazie Lulli Penso che abbiate di che sbizzarrirvi. Io approfitto […]

  2. […] granola di Valentina UN DEJUNER DE SOLEIL – la versione di Edda all’olio d’oliva SANTUZZA’S KITCHEN – alla lavanda…. grazie Lulli Penso che abbiate di che sbizzarrirvi. Io approfitto […]

  3. […] granola di Valentina UN DEJUNER DE SOLEIL – la versione di Edda all’olio d’oliva SANTUZZA’S KITCHEN – alla lavanda…. grazie Lulli Penso che abbiate di che sbizzarrirvi. Io approfitto […]

Speak Your Mind

*